BBC TopGear Italia
BBC TopGear Italia
News

Maserati MC20 Cielo, molto più che una spyder

Il suo tetto di vetro elettrocromatico è pronto a scomparire in12 secondi. Per scattare da 0 a 200 ne servono invece appena 9,2.

Paolo Sardi
Pubblicato il: 25 mag 2022

Alla fine chi chiedeva il bis è stato accontentato. Dopo aver fatto venire il batticuore a più di un appassionato con la MC20 coupé, la Casa del Tridente svela in anteprima mondiale la variante spyder (guai a scriverlo con i, che a Modena piace così...) della sua sportiva più iconica. Il suo nome è Maserati MC20 Cielo e in azienda non avrebbero potuto sceglierne uno migliore. La sigla MC condensa le parole Maserati Corse, il numero 20 ricorda l'anno d'inizio della nouvelle vague del marchio e Cielo la dice lunga su quanto ci si possa immergere nell'ambiente circostante.

Protagonista assoluto

Bando alle ciance, allora, e occhi subito puntati proprio sul tetto retrattile della Maserati MC20 Cielo. Il pannello di vetro è pronto a fare una giravolta e a sparire alle spalle dell'abitacolo in soli 12 secondi. I colpi di scena non finiscono però qui. Grazie alla tecnologia PDLC (Polymer Dispersed Liquid Crystal), il materiale elettrocromatico può passare da trasparente a opaco in un amen. Il pilota può così decidere in ogni momento se avere il tetto scurito, se godersi la luce isolandosi dall'aria e del freddo o se viaggiare en plein air.

Cinquanta sfumature di azzurro

Un'altra primizia della Maserati MC20 Cielo è la vernice tri-strato metallizzata battezzata Acquamarina. Questa tinta disponibile sulla versione di lancio PrimaSerie, che sfoggia anche cerchi specifici da 20" e interni in Alcantare e pelle. Lo stesso colore sarà poi inserito poi nel programma di personalizzazione Maserati Fuoriserie. La sua base è un grigio pastello che richiama iul mondo delle gare mescolato a una mica cangiante acquamarina che dona luminosità all'insieme.

Ad ali spiegate

La Maserati MC20 Cielo mantiene una sagoma molto simile a quella coupé. Le forme sono state definite nella galleria del vento e i test hanno portato a modifiche alle prese dinamiche e agli sfoghi per l'aria calda. Ogni elemento della linea svolge una funzione precisa. L'unico effetto speciale è rappresentato dalle porte Butterfly. L'apertura ad ali di farfalla semplifica la vita quando si deve entrare e uscire dalla macchina. La Maserati MC20 Cielo segna l'ingresso in catalogo anche di nuovi sistemi di assistenza alla guida, come la frenata autonoma d'emergenza, il riconoscimento dei cartelli stradali e una nuova Surround View a 360°. L'abitacolo della MC20 Cielo è razionale ed essenziale, con due schermi da 10 pollici, uno per la strumentazione, uno per il Maserati Touch Control Plus, che integra il sistema multimediale MIA (Maserati Intelligent Assistant), e il Maserati Connect. La MC20 Cielo può essere poi dotata dello stereo High Premium Sonus faber con 12 speaker studiato apposta per l’abitacolo della spyder.

Come un'auto da corsa

Il volante ha un'impostazione racing e alle sue spalle si notano le levette, per comandare in modo sequenziale il cambio a doppia frizione e otto rapporti. Il pilota può scegliere tra cinque modalità di guida, Wet, GT, Sport, Corsa ed ESC Off. Ognuna regola automaticamente boost del motore, sensibilità dell'acceleratore, valvole di scarico attive, cambio, controllo di trazione e sospensioni. Queste ultime sono dotate di tre set-up, Soft, Mid e Hard, oltre che di una alzatore per aumentare l'altezza da terra al di sotto dei 40 km/h.

A tutta forza

Dulcis in fundo, parliamo un po' di tecnica. La MC20 Cielo è costruita attorno a una scocca in carbonio realizzata dalla Dallara. Il motore, sistemato in posizione centrale, è il noto V6 3.0 biturbo chiamato Nettuno. Il suo fiore all'occhiello è il sistema di accensione a precamera e a doppia candela studiato in origine per la Formula 1 e che la MC20 ha portato per la prima volta su strada. La sua potenza massima è 630 CV a 7.500 giri, ma il limitatore permette di allungare per altri 500 giri. La coppia massima è invece di 730 Nm costanti tra i 3.000 e i 5.500 giri. Grazie anche al launch control lo 0-100 richiede 3 secondi mentre lo 0-200 avviene in 9,2 secondi e, insistendo, si può raggiungere una velocità massima di 320 km/h. Potrebbe essere il momento giusto per esclamare: "Oh, Cielo!"...

 

Top Gear
Italia Newsletter

Ricevi tutte le ultime notizie, recensioni ed esclusive direttamente nella tua casella di posta.