BBC TopGear Italia
BBC TopGear Italia
News

McLaren Solus GT, il V10 aspirato da 10.000 giri

È tutto meravigliosamente vero: la Casa inglese dona nuovo splendore a ciò che ormai sembrava solo un bel ricordo

Adriano Tosi
Pubblicato il: 21 ago 2022

V10 aspirata come le MP4/13 e MP4/14 Campioni del Mondo di F1 nelle mani di Mika Hakkinen. V10 aspirata come ormai nessuno avrebbe più creduto possibile. Semplicemente, McLaren Solus GT. Beh, semplicemente si fa per dire: il prezzo è talmente elevato che la Casa inglese nemmeno lo ha comunicato pubblicamente; solo i 25 fortunati che se la sono aggiudicata lo conoscono, oltre ovviamente al team che si è occupato di questo progetto. Senza contare che alla Solus GT stanno molto strette le definizioni esistenti, dato che di fatto si tratta di una monoposto estrema, più vicina davvero alle corse che alla strada. Presentata alla Monterey Car Week, ha ovviamente nel motore la sua attrazione maggiore. E, curiosità, nasce come concept per il virtuale - il videogioco Gran Turismo nello specifico - e diventa reale.

Come le Formula 1 anni Novanta

Il riferimento iniziale alle monoposto di Woking per le stagioni 1998 e 1999 non è casuale: ad accomunare la Solus GT alle F1 degli anni Novanta non sono “solo” i 10 cilindri a V, bensì anche il fatto che il propulsore non preveda catene o cinghie ma solo ingranaggi. Anche in virtù di questa caratteristica tocca la quota vertiginosa di 10.000 giri. Il tutto, per 840 CV e 650 Nm di coppia, affidati alle ruote posteriori con tramite un cambio sequenziale a sette rapporti con ingranaggi a denti dritti creato appositamente per questa vettura. Risultato: 320 km/h di velocità massima e 2,5 secondi per passare da 0 a 100 km/h. Da F1 è anche la struttura alla base della Solus GT: per la prima volta su una McLaren stradale, infatti, il motore funge anche da elemento strutturale del telaio monoscocca di fibra di carbonio. Sì, questa McLaren è persino più estrema della 720S GT3X.

Più kg di deportanza che di peso

McLaren Solus GT - vista posteriore

Meno di 1.000 kg di peso, oltre 1.200 kg di deportanza massima (la capacità dell’aerodinamica di “schiacciare” l’auto verso il basso): sono questi i due numeri che più di tutti raccontano l’essenza della Solus GT. Sì perché per quanto 840 CV e 650 Nm di coppia siano valori da urlo, le “vagonate” di CV e Nm delle elettriche più estreme hanno fatto perdere un po’ il senso della misura. Allora ecco che la McLaren ci riporta per un attimo ai fondamentali, al fatto che la leggerezza è alla base delle prestazioni in pista. A proposito di ciò, le sospensioni sono di tipo push rod a doppi bracci oscillanti, con barre antirollio regolabili. I cerchi di alluminio forgiato sono monodado e misurano “solo” 18” di diametro (quando non ti porti in giro svariate tonnellate di peso non hai bisogno di ruote da camion). Quanto all'impianto frenante, offre la ripartizione regolabile dall’abitacolo ed è composto da pinze a sei pistoncini abbinate a dischi e pastiglie di carbonio.

A bordo come sui caccia

Entrare nella McLaren Solus GT e sentirsi Top Gun è questione di attimi. Per fare questa operazione, infatti, non sono previste portiere: c'è una cupola di carbonio e vetro, che scorre in avanti e consente così l'accesso. Le funzioni dell'auto si controllano attraverso quattro selettori e a vari pulsanti posizionati sul volante, ispirato a quello delle Formula 1 e dotato di un display centrale.

McLaren Solus GT - cockpit

La Solus GT è solo su misura

Come avrete capito, per guidare questa McLaren sarà necessaria un po’ di esperienza. Per non complicare ulteriormente le cose, la Casa inglese ha previsto partenze automatizzate (il pilota non dovrà gestire la frizione) e, soprattutto, dei corsi specifici in pista. Ultimo ma non meno importante, per il massimo contatto uomo-macchina, il sedile verrà modellato sul fisico del pilota (vietato ingrassare o mettersi a dieta, dunque); l'auto verrà inoltre consegnata con una tuta omologata FIA, un casco e un sistema Hans su misura. Ancora, ogni esemplare verrà fornito di un "flight case" con martinetti, cavalletti, radio, attrezzi e un preriscaldatore del liquido di raffreddamento per le procedure d'avviamento dell'auto.

Top Gear
Italia Newsletter

Ricevi tutte le ultime notizie, recensioni ed esclusive direttamente nella tua casella di posta.