BBC TopGear Italia
BBC TopGear Italia
retro

Dacia 1300: la bruttina che seppe conquistare una nazione

Ma quale Volkswagen?! La vera auto del popolo per i rumeni è la Dacia 1300, che in oltre 35 anni di carriera è stata venduta in oltre 2 milioni di esemplari

Paolo Sardi
Pubblicato il: 17 mag 2022

I dati di mercato parlano chiaro. Nei primi quattro medi del 2022 c'è un solo costruttore ad aver venduto in Italia più auto che nel 2021. Sapete chi è? 3, 2, 1. Ok, tempo scaduto, ve lo dico io: si tratta di Dacia. La Casa rumena negli ultimi tempi scala le classifiche con la stessa facilità con cui un geco si arrampica sui muri. Prezzi allettanti, praticità e sostanza sono d'altro canto argomenti che piacciono alla gente in un'epoca in cui tanti devono tirare la cinghia. Aggiungiamo a tutto questo il fatto che la semplicità dei modelli a listino aiuta a superare la penuria di materie prime, riducendo i tempi di consegne e il gioco è fatto.

La bruttina stagionata

Pochi sanno però anche che la Dacia ha una lunga storia alle spalle e non è nemmeno nuova vestire i panni della best-seller. Andate in Romania e chiedete a chiunque quale sia l'auto del popolo e difficilmente vi diranno la Volkswagen Maggiolino. A quelle latitudini l'artefice della motorizzazione di massa è stata infatti la Dacia 1300. Non serve essere grandi fisionomisti per riconosce in lei la sagoma a tre volumi e il sedere basso della Renault 12. Una specie di bruttina stagionata, per citare Carmen Covito, che faceva però tutto quello che serviva al popolo rumeno sotto Nicolae Ceausescu all'ombra della Cortina di Ferro. Nei primi Anni 70 era l’auto più moderna dell’Europa dell’Est e una delle meno care.

Oltre 35 anni di onorato servizio

La produzione della Dacia 1300 è durata 35 anni, dal 1969 al 2004, ma le vendite dei fondi di magazzino sono proseguite ancora per un altro paio d'anni. In questo tempo la macchina è stata aggiornata a più riprese ma si è concessa un solo vero restyling, nel 1979, anno dopo il quale il nome è diventato 1310. Le principali differenze tra la 1300 e la 1310 sono due: il frontale con quattro fari e la calandra nera e i gruppi ottici posteriori rivisti. Proprio come quelli dell'auto nelle foto, un esemplare del 1989 di proprietà di tale Mihai, un architetto di 32 anni che lavora per Renault Technologies. La gamma si è invece sviluppata in mille modi, con tante varianti di carrozzeria come station wagon e pick-up ed è così che ha costruito il suo successo, arrivando a vendere oltre due milioni esemplari.

 

 

Top Gear
Italia Newsletter

Ricevi tutte le ultime notizie, recensioni ed esclusive direttamente nella tua casella di posta.