BBC TopGear Italia
BBC TopGear Italia
News

Ferrari 296 GTS, è tempo di spider

Ferrari ha lanciato la versione convertibile della 296 GTB, giusto in tempo per l’estate

redazioneTopGear
Pubblicato il: 16 mag 2022

Ferrari con la 296 GTS ha realizzato il suo capolavoro per l'estate. Benvenuti a bordo della 296 GTS, versione convertibile della 296 GTB. Con la pressione di un pulsante il tetto sparisce dietro l’abitacolo e si viene baciati da sole, premendo nuovamente il comando il tetto torna al suo posto. A voi la scelta. Attenzione, però: Ferrari non si è limitata a mettere gli occhiali da sole alla GTB, per la 296 GTS è intervenuta su diversi particolari per garantire lo stesso piacere di guida e prestazioni al top.

Il tetto si fa in due e sparisce davanti al motore

Per la 296 GTS Ferrari ha pensato a un hard top retrattile (RHT) in due parti, che si piega ordinatamente sopra la parte anteriore del motoresalvaguardando le caratteristiche di dissipazione di calore e l’equilibrio del design” come sottolineato da Ferrari. Risultato? Con il tetto su è difficile notare la differenza tra 296 GTB e 296 GTS; con il tetto giù il nuovo V6 si fa sentire ancora di più e meglio. La ricerca Ferrari nell’ottenere il massimo piacere dalle armoniche del motore sulla GTS si è spinta infatti fino alla realizzazione di particolare sistema brevettato, definito “a tubo caldo”, completamente riprogettato rispetto a quello della 296 GTB, pensato per esaltare il suono del motore a tetto chiuso e aperto. L'abbassamento del tetto crea di fatto un collegamento diretto tra l'abitacolo e il suono dei tubi di scarico del motore V6 del Cavallino.

Il carattere non cambia

La parte nota della 296 GTS è il propulsore ibrido, che abbiamo imparato a conoscere e ad apprezzare sulla 296 GTB (qui la nostra prova)Il V6 turbo a 120° da 2992 cc, il primo V6 Ferrari, ha una potenza di 663 CV ed è affiancato da un motore elettrico da 122 kW/167 CV. In totale fanno 830 CV tutti da godere. Il propulsore è abbinato a un cambio a doppia frizione e 8 rapporti che scarica la potenza sulle ruote posteriori. Il tutto si traduce in puro divertimento alla guida e in numeri che lasciano il segno: 2,9 secondi per raggiungere i 100 km/h da fermo, se preferite 7,6 secondi per arrivare a 200 km/h, con una velocità massima superiore a 330 km/h. Ferrari ci dice anche che sulla pista di Fiorano la 296 GTS gira in 1’ 21” 80, appena otto decimi più della GTB. Del resto la 296 GTS alla bilancia fa segnare un peso di 1540 kg (allestimento con contenuti opzionali di alleggerimento), contro i 1470 kg delle GTB: soli 70 kg in più che però sul giro secco si fanno sentire. Ferrari ha lavorato sul telaio della 296 GTS, riprogettato e ottimizzato rispetto a quello della 296 GTB, per garantire la massima rigidezza nei confronti di torsione e flessione, ottenendo rispetto alle precedenti spider di Maranello un incremento rispettivamente del 50% e dell’8%. Le aree oggetto di trattamento sono state principalmente il montante A, il montante B e la zona dei longheroni. Più che semplici numeri, ovviamente. Le linee deliziose della GTB sono state preservate sulla GTS, Flavio Manzoni e il team del Centro Stile Ferrari hanno creato una nuova copertura del tonneau cover che si distingue dalle più recenti spider di Maranello. Le estensioni nella parte posteriore incorniciano il coperchio del motore, per ottenere un design molto pulito. Sulla 296 GTS i flap aerodinamici sono integrati nella struttura del rivestimento posteriore, per aumentare il comfort durante la guida en plein air. Gli interni rimarcano l’aspetto pulito del design, con sedili in pelle con un design specifico e unico per la GTS.

Assetto Fiorano, prestazioni estreme

Chi desidera ottenere il massimo e sfruttare le caratteristiche più estreme della vettura può configurare la 296 GTS in allestimento Assetto Fiorano, che aggiunge ammortizzatori Multimatic derivati dalle competizioni GT, appendici in fibra di carbonio sul paraurti anteriore (10 kg di carico aerodinamico verticale in più), materiali leggeri come la fibra di carbonio, sia per gli interni che per gli esterni della vettura, e la livrea speciale ispirata alla 250 Le Mans. Tra i contenuti disponibili su richiesta con l’allestimento Assetto Fiorano ci sono anche gli pneumatici Michelin Pilot Sport Cup2R, con un grip particolarmente adatto all’uso in pista.

 

Top Gear
Italia Newsletter

Ricevi tutte le ultime notizie, recensioni ed esclusive direttamente nella tua casella di posta.