BBC TopGear Italia
BBC TopGear Italia
Primo contatto

Suzuki Vitara Hybrid 140V, l'ibrida tuttofare

710
Paolo Sardi
Pubblicato il: 25 mag 2022

SPECIFICHE IN EVIDENZA

  • MOTORE

    4 cilindri 1.5 + modulo mild hybrid

  • POTENZA

    115 CV

  • C02

    121-137 g/km

Quello tra l'ibrido e la Suzuki è un matrimonio che funziona. La storia è iniziata nel 2016 e da allora la Casa di Hamamatsu ha iniziato a sfornare modelli Hybrid come conigli. L'ultimo fiocco rosa è relativo alla Vitara Hybrid 1.5 140V, che aumenta la forza di fuoco della Suzuki nel combattuto segmento B-SUV e affianca in listino la Vitara Hybrid 1.4 48V.

Gemelle diverse

Dato che mi pare di vedere qualche sopracciglio che si solleva, vediamo subito quali sono le differenze tra le due versioni. La 1.5 140V adotta una inedito sistema ibrido che coinvolge di più la parte elettrica nella guida. Dal punto di vista tecnico, la Vitara 48V è una mild hybrid, che si muove spinta solo dal motore termico, pur se con un aiutino elettrico.

Suzuki-Vitara-hybrid-140V

La nuova 140V è invece una cosiddetta full hybrid e può dunque muoversi in elettrico, lasciando spesso bielle e pistoni a riposo anche per qualche chilometro. E, tanto per chiarire, no, Toyota in tutto questo non c'entra: questo sistema di propulsione è tutto farina del sacco si Suzuki.

Sotto la lente

La Suzuki Vitara Hybrid 1.5 140V ha un motore 1.5 a benzina aspirato a ciclo Atkinson da 75 kW (102 CV) abbinato a un motore elettrico da 24,6 kW (33 CV). Quest’ultimo è alimentato da una batteria da 840Wh alloggiata piazzata nel doppio fondo del bagagliaio, che mantiene così il solito volume di 375 litri. La staffetta dei due motori è comandata da una centralina  in base allo stato delle batterie e dello stile di guida del pilota. L'unità elettrica si occupa delle partenze e delle manovre a bassa velocità, pronta a passare il testimone a quella termica quando la velocità sale.

Suzuki-Vitara-hybrid-140V

L’elettrico rientra però in gioco per qualche istante quando il cambio robotizzato AGS a sei rapporti - nuovo pure lui - passa alle marce superiori. In queste situazioni non fa scendere il regime e rende la progressione più fluida. Il motore elettrico disaccoppia poi quello termico dalla trasmissione in rilascio. permettendo di veleggiare e abbattere i consumi e le emissioni. I due motori possono però anche spingere insieme quando il pilota pesta il piede sull’acceleratore e erogando un totale di 84 kW (115 cv). E le batterie? Al pilota non è richiesto alcun intervento: si ricaricano in due modi, con il motore elettrico che recupera l’energia nei rallentamenti oppure a velocità costante, quando viene assorbita un po' di potenza del motore termico per ripristinare la carica.

Quello che manca è un po' di smalto quando si entra in tackle sull'acceleratore. L'accoppiata ibrida fa le fusa sorniona, ma non ha molta voglia di graffiare.

In punta di piedi

Tutto avviene con la massima discrezione. Per avere un’idea di cosa avvenga sotto il cofano serve un orecchio molto fino. Altrimenti la cosa migliore è dare un'occhiata alla schermata dei flussi di energia sullo schermo MyDrive, che si trova in mezzo alla strumentazione. La Vitara Hybrid 1.5 140V non sa cosa siano strappi e sussulti e avanza regolare nel traffico così come fuoriporta. Proprio in un contesto urbano la Vitara Hybrid 1.5 140V si rivela una cittadina modello. Qui i frequenti stop-and-go permettono di far lavorare al meglio l’ibrido 140V, ricaricando le batterie e permettendo di viaggiare spesso in elettrico. Quello che manca è un po' di smalto quando si entra in tackle sull'acceleratore. L'accoppiata ibrida fa le fusa sorniona, ma non ha molta voglia di graffiare.

Una vera tuttofare

Ciò non toglie comunque che la Vitara full hybrid faccia un figurone in fatto di versatilità. È infatti spaziosa rispetto alle dimensioni esterne e silenziosa, almeno finché non ci si vuole giocare qualche punto della patente facendo la roulette russa con i tutor, e si presta dunque bene a portare la famigliola al mare o in montagna. Questa Suzuki è pronta pure a mettere le ruote fuori dall’asfalto.

Suzuki-Vitara-hybrid-140V

Le sospensioni incassano bene i colpi e, complice la buona altezza da terra, permettono di affrontare anche i terreni più accidentati. Con l'eventuale trazione integrale 4WD AllGrip Select il pilota può scegliere in ogni momento tra quattro modalità di guida (Auto, Sport, Snow e Lock) in base al fondo. Entrambe le varianti, a due e a quattro ruote motrici, sono proposte in un unico allestimento, che si pone al vertice della gamma Vitara ed è chiamato Starview. Il suo fiore all’occhiello è ill tetto apribile in vetro ma l’equipaggiamento è molto ricco sotto ogni punto di vista.

 

Top Gear
Italia Newsletter

Ricevi tutte le ultime notizie, recensioni ed esclusive direttamente nella tua casella di posta.