BBC TopGear Italia
BBC TopGear Italia
News

BMW M4 CSL, buon 50° BMW M

BMW M sceglie il modo migliore per festeggiare i suoi primi 50 anni: una M4 tutta nuova, hi-tech, ma con accenti dannatamente old school

Adriano Tosi
Pubblicato il: 20 mag 2022

Competition, Sport, Lightweight: è questo che rappresentano le tre lettere CSL e non c’è bisogno di essere madrelingua inglesi per coglierne il senso più profondo. Quei tre concetti sono anche le pietre angolari sulle quali si fondano progettazione e sviluppo della nuova BMW M4 CSL. Un’auto capace di mettere a referto 3,7 secondi nello scatto da 0 a 100 km/h, 10,7 secondi nello 0-200 km/h, 307 km/h di velocità massima e, soprattutto, un impressionante 7’15”.677 come tempo sul giro da 20,6 km al Nürburgring (il riferimento utilizzato da tutti i costruttori); 7’20”207 invece sul giro completo. Si tratta della BMW di produzione più veloce di sempre su questo difficilissimo tracciato. Il tutto, con una ricetta squisitamente “meccanica”: nessun aiutino elettrico ha contribuito a queste prestazioni. La BMW M4 CSL è un tributo alla storia di BMW M, un’ultima celebrazione a soli pistoni/cilindri/bielle prima del passaggio, già annunciato, all’ibrido plug-in.

Nata per la pista

BMW M4 CSL - pista, vista laterale

Nella messa a punto della BMW M4 CSL (presentata subito dopo il restyling della Serie 3) è stato perseguito il massimo contenimento del peso, a costo anche di mettere in atto scelte piuttosto radicali. Una su tutte: l’eliminazione del divano ha permesso di risparmiare 21 kg, l’adozione di sedili anteriori a guscio con struttura in fibra di carbonio (su cui è possibile installare cinture di sicurezza a 6 punti) ne ha tagliati altri 24. Altri 21 kg sono stati limati grazie ai freni carboceramici, alle ruote, alle molle e agli ammortizzatori specifici; 15 kg sono stati trovati eliminando alcuni materiali fonoassorbenti. Del resto, il contenimento del sound del motore non è certo una priorità, su un’auto del genere, anzi… Completano il lavoro di alleggerimento diversi elementi della carrozzeria in CFRP (carbon-fibre-reinforced plastic) e il terminale di scarico in titanio. L’ago della bilancia si ferma ora a 1.700 kg (100 in meno rispetto alla Competition), per un rapporto tra peso e potenza che vede ogni CV del motore “trasportare” 2,95 kg di peso.

Un sei cilindri da urlo

BMW M4 CSL - scarico titanio

Non avete voglia di fare i conti? Il 3.0 biturbo 6 cilindri in linea (nel pieno della tradizione BMW) della M4 CSL eroga la bellezza di 550 CV a 6.250 giri; 650 Nm il valore di coppia massima, che viene raggiunto a 2.750 giri e mantenuto fino a quota 5.950. I 41 CV in più rispetto alla M4 Competition sono stati ottenuti alzando la pressione di sovralimentazione da 1,7 a 2,1 bar e mediante alcune modifiche alla mappatura elettronica. Il cambio è un 8 marce automatico (non doppia frizione, dunque) - di cui BMW garantisce la massima reattività di risposta - e la trazione esclusivamente posteriore.

Gli affinamenti al telaio

BMW M4 CSL - vano motore

L’aumento della potenza non poteva non essere accompagnato da un adeguamento del telaio. Ecco dunque una barra duomi anteriore, che irrigidisce la struttura (donando maggior precisione e reattività di risposta all’avantreno), sospensioni a controllo elettronico, altezza da terra ridotta di 8 mm, servosterzo con taratura specifica e i già citati freni carboceramici; dedicata è anche la taratura del controllo di trazione. È interessante segnalare la differenziazione del diametro dei cerchi fra avantreno e retrotreno, mentre i pneumatici anteriori e posteriori sono molto simili in larghezza: nell’ordine, 275/35 ZR19 e 285/30 ZR20.

Un privilegio per pochi

La BMW M4 CSL, che debutta al Concorso d’Eleganza Villa d’Este, sarà un piacere che solo 1.000 fortunati intenditori potranno concedersi: la sua produzione inizierà a luglio di quest’anno nello stabilimento di Dingolfing. Colori? La CSL si può avere nella tinta speciale Frozen Blooklin Grey Metallic o in Alpine White (pastello) e Sapphire Black Metallic, con l'optional dei loghi commemorativi M. Anche i gruppi ottici Laserlight sono un accessorio a pagamento, integrano le luci diurne gialle a Led ispirate alle vetture da competizione. Sono invece di serie i fari posteriori a Led con tecnologia Laser, prima volta in assoluto su un modello di serie. 

BMW M4 CSL - sedili carbonio

Top Gear
Italia Newsletter

Ricevi tutte le ultime notizie, recensioni ed esclusive direttamente nella tua casella di posta.