BBC TopGear Italia
BBC TopGear Italia
Prova

Maserati MC20 Cielo, la super roadster del Tridente

260,000
910
Maverick Greissing
Pubblicato il: 24 ott 2022

Pro

Il piacere della guida con il vento tra i cappelli senza rinunciare né al piacere di guida sportiva né alle elevate prestazioni

Contro

Navigatore ricalcitrante e il prezzo che è, però, allineato alla concorrenza.

Panoramica

La MC20 Cielo ripropone in chiave Spider – o, se preferite, roadster – la filosofia della sorella Coupé e, cioè, una supercar che va oltre i numeri da bar. È una due posti a motore centrale capace di prestazioni da riferimento, ma al tempo stesso un’elegante sportiva che reinterpreta in chiave contemporanea gli elementi stilistici distintivi che contraddistinguono da sempre una Maserati. 

Maserati MC20 Cielo Test Sicilia

Forma e funzione

La carrozzeria della Maserati MC20 Cielo è caratterizzata da tratti fluidi e filanti, sintesi di forma e funzione. Nella parte alta dominano linee scultoree e dinamiche, che scorrono dal frontale al posteriore senza interruzioni. Sopra l’iconica calandra, ci sono piccole aperture sul cofano che convogliano l’aria sul tetto - basso e inclinato - e attorno l’abitacolo, verso la parte posteriore. Qui gli occhi indugiano sulle prese d’aria laterali, che si spalancano sopra li parafanghi spallati. In basso, e in fibra di carbonio, le sofisticate soluzioni tecniche aerodinamiche che garantiscono una deportanza di 100 kg a 200 km/h e senza ricorrere a vistose – per non dire volgari – appendici alari.

Maserati MC20 Cielo porte e cofano aperti

Un cuore generoso

In posizione centrale - e non potrebbe essere altrimenti - c'è lo stesso motore Nettuno della MC20 Coupé e, cioè, il geniale 3 litri V6 biturbo a 90° da 630 CV e 730 Nm di coppia, capace di erogare una potenza specifica 210 CV / litro grazie all’innovativo sistema di combustione a precamera con doppia candela. Sulla Cielo debutta il nuovo manettino digitale con cui si scelgono le modalità di guida e, per ciascuna di queste, diversi settaggi delle sospensioni. 

Leggi anche: Maserati GranTurismo, l’attesa è finita